Fare inclusione con Antonino

antoninoAntonino è un bambino che porta con sè tutti i giorni e tutta la vita un pentolino rosso. Ce l’ha attaccato al corpo e non può toglierselo. All’inizio questo pentolino si blocca dappertutto impedendogli di vivere una vita normale e creando tanta frustrazione ma poi…

Bene, cosa significa concretamente fare inclusione? Non certo risolvere il problema di Antonino, ma aiutarlo a trovare delle soluzioni che gli semplifichino la vita e lo mettano in grado di vivere in classe e nella società con il meno disagio possibile.

Ma come si crea una cultura inclusiva?
Questa immagine rappresenta ciò che intendiamo per inclusione: non si tratta di integrare persone come Antonino in processi già esistenti ma adattare tali processi, trasformarli e renderli più accessibili per tutti. Dobbiamo potere essere tutti uguali nella piena consapevolezza che siamo tutti diversi.

inclusione

L’inclusione è prima di tutto un atteggiamento nei confronti della vita.
Non basta accedere alle risorse disponibili in rete per trasformare in inclusivo il proprio punto di vista o l’atteggiamento della classe (se si è insegnanti).

Chi diventa inclusivo è il normotipico e non la persona con bisogni speciali, quindi è importante che prima di tutto siano gli insegnanti e i genitori di ragazzi cosiddetti “normodotati” ad assumere un atteggiamento di apertura, di accettazione e di inclusione nei confronti dei bambini e ragazzi che presentano Bisogni Speciali.
Questo è uno degli obiettivi del sito Cts Trieste: fare informazione, dare strumenti, sensibilizzare, offrire l’opportunità di vedere come portatori di Bisogni Speciali possono rivelarsi fonte di arricchimento per tutto il gruppo classe, dando vita a spazi di condivisione inaspettati.

Che abbiate una classe composta da bambini piccoli o ragazzi grandi da educare e seguire quotidianamente vogliamo invitarvi a guardare in 3 minuti il video della meravigliosa storia di Antonino tratta dal libro illustrato per l’editore Kite  “Il pentolino di Antonino”.
Questa storia rappresenta un modo emblematico di affrontare e trattare il tema dell’inclusione che richiede tatto, cura, attenzione e soprattutto la capacità di commuoversi ed entrare in empatia con le persone che vivono disagi più o meno visibili che procurano loro sofferenza e senso di solitudine.

Prima di proseguire nella consultazione dei nostri materiali vi chiediamo di fermarvi un momento, di “sentire” che cosa vi porterà la storia di Antonino e fin dove riuscirete ad andare con la vostra immaginazione di adulti, dopo aver provato ad immedesimarvi negli adulti tutti, quelli che segnano in positivo la vita di un ragazzo, quelli che sono degni di essere imitati. Buona visione!

 

Risorse

In questa sezione trovi materiali che possono essere condivisi in classe o in famiglia per affrontare il tema dell’inclusione attraverso storie illustrate, film, video in rete organizzate per fasce d’età:
Sitografia: una pagina di link alle risorse utili in rete, per orientarsi nel mondo dei Bisogni Educativi Speciali.
Storie illustrate e video per l’infanzia : una pagina di consigli e segnalazioni di libri illustrati che parlano dei temi dell’inclusione a scuola e in famiglia.
Video sull’inclusione per bambini della primaria: una pagina di segnalazioni di video su you tube per affrontare il tema dell’inclusione a scuola e in famiglia.
Video sull’inclusione e integrazione con gli adolescenti: una pagina di segnalazioni di film o parti di film su you tube per affrontare il tema con gli adolescenti.

 

Articoli tematici

L’inclusione e il buon senso australiano
Un articolo che mostra che è giusto e possibile credere nella necessità dell’inclusione scolastica e che da molti consigli preziosi agli insegnanti e a come gestire le proprie classi.

Diritti e doveri
Quando un minore con autismo ha bisogno di un insegnante di sostegno in deroga? Ecco cosa ha deliberato il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia, Sezione III, Sentenza 12 gennaio – 26 gennaio 2016, n. 219.