Bullismo e comportamenti devianti online

StopBullyingSign

Sia in età infantile che nel corso dell’adolescenza è molto difficile inserirsi all’interno del gruppo dei pari e spesso la ricerca di conferme sociali attraverso l’emulazione di modelli negativi rappresenta una soluzione, seppur instabile.
Per tali ragioni, tale dinamica comportamentale spesso si pone come la radice del fenomeno sempre più diffuso del “bullismo”. In tal modo, il bisogno di trovare una “dimensione” nella vita relazionale di un ragazzo può trasformarsi in un problema relazionale per un altro che diventa “vittima” degli episodi di un “bullo”.

Il termine “bullismo”, che viene spesso definito una traduzione, è più esattamente un adattamento italiano del termine inglese “bullying” che definisce i comportamenti di prepotenza tra bambini e adolescenti, caratterizzati da oppressione fisica o psicologica e agiti in modo prolungato da una persona o da un gruppo nei confronti di una o più vittime mentre il cyberbullismo utilizzando le tecnologie per manifestarsi presuppone anche la possibilità di  molestare gli altri assicurandosi del proprio anonimato. Entriamo nel dettaglio

Origini e tipologie di bullismo
Cosa si intende con cyberbullismo

No hate speech: un’azione concreta contro il bullismo

In merito alle azioni di contrasto al bullismo e cyberbullismo il CTS si impegna a diffondere l’opuscolo “NO HATE – Idee contro il discorso d’odio attraverso l’educazione ai diritti umani” relativo alla campagna  di sensibilizzazione sostenuta dal MIUR per combattere il razzismo  e la discriminazione  nelle loro espressioni online, cercando di favorire nei ragazzi  l’adozione di comportamenti che contrastino messaggi discriminatori e ogni forma di violenza e odio. L’opuscolo  è l’estratto di un manuale  elaborato dal Consiglio d’Europa per comprendere meglio le caratteristiche del fenomeno e le modalità operative  attraverso le quali  aiutare  gli studenti  a crescere in una società più rispettosa delle diversità. Il testo può essere anche scaricato sul sito www.generazioniconnesse.it

Raccomandazioni – USR Friuli Venezia Giulia

Raccomandazioni per la prevenzione e la gestione del bullismo nelle scuole (Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia – Direzione Generale 10 luglio 2012)